Modello 770/2019, invio separato dal sostituto in base al tipo di ritenute - Quotidiano del Fisco 18/12/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

L’illustrazione delle novità dell’invio separato del modello 770, è oramai diventata una consuetudine annuale.

Nel nostro appuntamento settimanale dello scorso 20 febbraio, dal titolo «Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo» (clicca qui per consultarlo ) nell’esaminare le novità dell’invio separato del modello 770/2018, avevamo ricordato come già l’anno ancora precedente - in cui avevamo assistito all’unificazione dei modelli 770/2017 semplificato e ordinario - vi era stata la necessità, per i commercialisti e i consulenti del lavoro, di adottare nuove modalità di compilazione della modulistica unificata per poter effettuare invii separati per le diverse tipologie di ritenute da essi gestite abitualmente.

Dopo due anni di messa a punto delle regole di “spezzatura”, non pensavamo - quindi - di dover ritornare ancora una volta sull’argomento, stante le “assordanti voci” di soppressione del modello 770, perlomeno per i redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo. Invece il modello 770/2019 e le relative istruzioni verranno ancora modificate, non solo in relazione al ventaglio di possibilità a disposizione degli intermediari per la trasmissione dei dati, ma anche e soprattutto, per consentire al sostituto di imposta di effettuare l’invio spezzato del modello. È questa una delle anticipazioni fornite dai rappresentanti delle Entrate sulle novità del modello 770/2019 durante il convegno di AssoSoftware, dal titolo «Le novità aziendali, fisco e lavoro 2019 - Analisi dei nuovi adempimenti e l’impatto sul software», svoltosi a Bologna il 28-29 novembre.

Le motivazioni che hanno portato l’agenzia delle Entrate a questo ennesimo ripensamento, derivano dalla recente esperienza relativa alla trasmissione del modello 770/2018, il cui termine è scaduto lo scorso 31 ottobre, in cui molti sostituti, che avevano l’esigenza di spezzare in più parti il modello 770 - pur non potendolo fare visto che tale modalità non era tra quelle ammesse - hanno comunque inviato due modelli 770 indicando su entrambi il codice «1», che è quello dell’invio unificato. Ciò ha comportato la ricezione da parte di Sogei di due diversi modelli 770, che non solo non sono stati accorpati, in quanto entrambi trasmessi come unificati con codice «1», ma sono stati considerati come sostitutivo il secondo del primo.

In altri casi, poi, l’invio tramite intermediari ha seguito di fatto la stessa operatività, in quanto il consulente del lavoro non era a conoscenza dei dati del commercialista (e viceversa), per cui entrambi hanno anche in questo caso inviato due modelli, indicando su entrambi il codice “1” che è quello dell’invio unificato. Con il medesimo risultato - per il sostituto - di vedersi considerato il secondo come sostitutivo del primo.

La novità del prossimo anno sarà, quindi, quella di consentire al sostituto d’imposta di inviare un modello 770 con le ritenute di lavoro dipendente, separatamente da quello contenente le ritenute di lavoro autonomo, con le regole che spiegheremo a seguire.

Le nuove regole per l’invio separato del modello 770/2019
La prima novità, come già anticipato, è la possibilità, per il sostituto d’imposta che effettua direttamente l’invio del modello 770/2019, di trasmettere separatamente i dati delle ritenute di lavoro dipendente, di lavoro autonomo e di capitali. Purché, però, ciascuna delle tre tipologie di ritenute sia contenuta all’interno del modello.

La seconda novità, strettamente connessa alla precedente, è la possibilità, per il sostituto d’imposta di effettuare direttamente l’invio di una o più parti del modello 770 (per esempio contenente i dati delle ritenute di lavoro dipendente e/o di lavoro autonomo e/o di capitali) e di far trasmettere la restante parte a uno o più intermediari. Purché ciascuna delle tre tipologie di ritenute sia contenuta all’interno del medesimo modello.

Il tutto si concretizza con l’introduzione, all’interno della sezione «Redazione della dichiarazione», di tre nuove caselle.
•Nella sottosezione «Gestione separata» a fianco di ciascuno dei due campi «Codice fiscale altro incaricato» sono presenti le due corrispondenti caselle «Sostituto», che vanno barrate qualora ciascuna delle restanti parti sia trasmessa dal sostituto stesso e non da un intermediario. Le caselle sono due, così come anche gli intermediari che inviano la restante parte, perché l’invio può essere spezzato fino a tre parti.
•Nella sottosezione «Quadri compilati e ritenute operate» è presente la casella «Incaricato in gestione separata», da compilarsi in caso di invio di tipo “misto” (parte sostituto e parte intermediario/i).

Quest’ultima casella appare, in realtà, quasi ridondante, tuttavia può dare un’indicazione di massima sulla composizione del modello 770/2019 che l’agenzia delle Entrate si dovrà attendere una volta ricevute tutte le parti dai diversi attori.

Le questioni aperte
Circa i problemi insorti con il 770/2018, va detto che le difficoltà riscontrate dall’agenzia delle Entrate le hanno ancor prima dovute affrontare le software house, in chiara difficoltà nello spiegare ai propri clienti che non era possibile far inviare al sostituto due flussi distinti, se non tramite intermediari.

Va peraltro detto - per correttezza - che la stessa agenzia delle Entrate ha ammesso che la possibilità che potessero sorgere questi problemi era stata segnalata proprio da AssoSoftware in occasione del convegno dello scorso anno.
Stante le modifiche apportate alla modulistica del 770/2019 del prossimo anno, rimaniamo tuttavia convinti che le nuove modalità operative appena illustrate non siano ancora sufficienti e adeguate per gestire in modo ottimale le diverse situazioni organizzative dei sostituti d’imposta e dei loro consulenti che rivestono la qualifica di intermediario.

Ciò in quanto, per poter seguire in modo preciso e puntuale le regole indicate nelle istruzioni, il sostituto d’imposta e tutti i suoi intermediari devono essere a conoscenza delle attività svolte dagli altri attori (e non sempre è così!) e soprattutto devono essere molto collaborativi tra loro anche quando non vi è un interesse diretto.

Non per nulla la decisione di indicare il codice «1» messa in atto quest’anno da molti intermediari, spesso è stata assunta per evitare di dover raccogliere dati e informazioni da altri intermediari, spesso neppure conosciuti per scelta del sostituto d’imposta loro cliente.
Siamo ancora in tempo per qualche ulteriore aggiustamento, che speriamo si concretizzi materialmente in fase di stesura definitiva delle istruzioni e del modello.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, gli effetti dei controlli preventivi sui crediti a rischio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva, modello per l’opzione sottoscritto da tutti i partecipanti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deducibilità degli interessi passivi con nuovi criteri in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Beni ammortizzabili, rimborso Iva anche per il leasing
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Registri Iva verso l’estensione della stampa solo su richiesta dei verificatori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

F24, in arrivo nuove regole di compilazione e di compensazione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, così l’emissione dal committente per gli agenti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

«Fatture e corrispettivi», tutti i pro e i contro delle possibili modalità di accesso
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, costi e benefici delle tre soluzioni per la delega all’intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Acconto Iva con assist dal quadro VH della dichiarazione 2018
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci alla prova della nuova tassonomia Xbrl
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La dichiarazione 2019 fa spazio ai crediti del gruppo Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware