E-fattura, ecco perché si applica l’esonero dalla tenuta dei registri Iva - Quotidiano del Fisco del 18/09/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Novità interessante e che merita alcune riflessioni, quella dell’esonero dalla tenuta dei registri Iva per i soggetti obbligati alla fatturazione elettronica, recentemente introdotto dal nostro legislatore in fase di conversione del decreto dignità (Dl 87/2018).

Dal punto di vista tecnico-giuridico va segnalato che il legislatore ha aggiunto all’articolo 11 del Dl 87/2018, con la legge 96/2018 di conversione, il comma 2-bis che va ad integrare l’articolo 1 del Dlgs 127/2015, in materia di fatturazione elettronica e trasmissione telematica delle fatture o dei relativi dati, aggiungendo ad esso il comma 3-ter riportato a seguire: «3-ter. I soggetti obbligati alla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute ai sensi del comma 3 del presente articolo sono esonerati dall’obbligo di annotazione in apposito registro, di cui agli articoli 23 e 25 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633».

Da una prima lettura questa disposizione risulta piuttosto confusa, laddove indica quali beneficiari dell’esonero «i soggetti obbligati alla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute» (quindi lo spesometro) precisando però poi «ai sensi del comma 3», laddove tuttavia il comma 3, essendo stato modificato già con effetto dal 1° gennaio 2018, fa ora riferimento alla «fatturazione elettronica» e non più alla «comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute». Quindi lo spesometro non c’entra più nulla.

Di conseguenza - ragionevolmente - la sua applicazione dovrebbe comportare l’esonero soggettivo dalla tenuta dei registri Iva per tutti i quei contribuenti che, per effetto delle disposizioni di cui al novellato articolo 1, comma 3, del Dlgs 127/2015, risultano obbligati all’adozione della fatturazione elettronica.

In altre parole - almeno apparentemente - l’esonero dalla tenuta dei registri Iva sembrerebbe riguardare qualunque soggetto passivo obbligato all’adozione della fatturazione elettronica nella sua soggettività, quindi sia nel caso in cui questi emetta o riceva elusivamente fatture elettroniche, sia nel caso in cui emetta o riceva anche fatture cartacee, in tutti quegli ambiti in cui non sussiste l’obbligo di fatturazione elettronica (per esempio per le fatture emesse verso soggetti stabiliti in paesi esteri o per le fatture ricevute da soggetti esonerati, eccetera). L’esonero ha effetto dal 12 agosto 2018, ossia dal giorno successivo alla pubblicazione della legge di conversione nella «Gazzetta Ufficiale».

I dubbi sulla possibilità di adottare tale interpretazione estensiva sono però davvero molti, per cui riteniamo utile provare a fare qualche riflessione, soprattutto in un’ottica di una gestione informatizzata degli adempimenti Iva e fiscali, in attesa di una presa di posizione chiara e precisa da parte dell’agenzia delle Entrate che - immaginiamo - non potrà esimersi dal pronunciarsi in modo ufficiale su una problematica così delicata e di interesse generale.

La finalità perseguita dal legislatore
Gli obiettivi del legislatore in tema di fatturazione elettronica, li conosciamo bene oramai tutti:
•obblighi verso l’Europa in tema di controllo dell’evasione dell’Iva;
•semplificazione dell’intero sistema amministrativo delle imprese italiane, con un’importante riduzione dei costi a regime a livello di sistema-paese per tutte le imprese;
•semplificazione del sistema tributario, perlomeno per i soggetti di minore dimensione, con predisposizione delle dichiarazioni Iva e redditi “precompilate”, da parte dell’agenzia delle Entrate, correlata a una semplificazione graduale delle norme fiscali al fine di permettere un’elaborabilità centralizzata dei dati.

È chiaro quindi, che l’introduzione di una disposizione che introduce l’esonero dalla tenuta dei registri Iva non può che inserirsi in quest’ultimo contesto, laddove la disponibilità a livello centralizzato di un repository (archivio informatico centralizzato) contenente tutte le fatture elettroniche, utilizzabili dall’agenzia delle Entrate per la predisposizione delle liquidazioni periodiche Iva e della dichiarazione annuale Iva, fa chiaramente venir meno la necessità di tenuta dei registri Iva in capo al soggetto passivo.

Ebbene, la prima sensazione è che questa norma sia stata concepita per operare all’interno di un sistema già perfettamente a regime, laddove tutti i documenti siano già contenuti nel suddetto repository, dal quale l’agenzia delle Entrate può attingere tutte le informazioni per predisporre in modo automatico e completo tutte le dichiarazioni in ambito Iva e fiscale.

Oggi però la base dati informativa centralizzata dell’agenzia delle Entrate non è ancora sufficientemente completa per un’elaborazione centralizzata, per cui ad esempio abbiamo:
•fatture cartacee emesse o ricevute da soggetti stabiliti in paesi esteri i cui dati, che dovranno essere trasmessi al Sdi con cadenza mensile, non sono attualmente tutti contenuti all’interno della comunicazione delle operazioni transfrontaliere, per cui non sempre sarà possibile per l’agenzia delle Entrate elaborare i modelli di liquidazione e di dichiarazione Iva “precompilati”;
•fatture cartacee emesse da soggetti esonerati le cui informazioni non sono presenti nel repository dell’agenzia delle Entrate (si tratta dei soggetti in regime di vantaggio di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, del Dl 98/2011, dei soggetti che applicano il regime forfetario di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 190/2014, dei produttori agricoli di cui all’articolo 34, comma 6, del decreto del Dpr 633/1972, introdotti dal provvedimento dell’agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018).

Oltre a tali tipologie di fatture non elettroniche, i registri Iva - in particolare per i soggetti in regime di contabilità semplificata - molto spesso contengono informazioni necessarie alla predisposizione delle dichiarazioni fiscali, quali ad esempio:
•dati relativi agli ammortamenti fiscalmente rilevanti, nei molti casi in cui non sia stato istituito il registro dei beni ammortizzabili;
•i costi del personale;
•le altre tipologie di costi (o ricavi) non documentati da fatture, quali ad esempio gli affitti.

È chiaro, quindi, che seppure venisse confermata in via interpretativa dall’agenzia delle Entrate la possibilità, per i soggetti obbligati alla fatturazione elettronica, di essere esonerati dalla tenuta dei registri Iva, la scelta di avvalersi di questo esonero dovrebbe comportare - a rigor di logica - ad esempio la perdita della possibilità di dedursi tutti quei costi attualmente annotati sui suddetti registri, nonché di detrarre l’Iva delle fatture cartacee emesse da fornitori esonerati.

In altre parole - forse estremizzando, ma neppure troppo - è come dire che, qualora si decidesse di fruire dell’esonero dalla tenuta dei registri Iva, la detrazione dell’Iva e la deduzione dei costi dovrebbe limitarsi esclusivamente a quanto documentato dalle fatture elettroniche passive presenti nel repository, non potendosi utilizzare le fatture cartacee e i giustificativi degli altri costi in quanto non annotati sui registri Iva. Quindi delle due l’una:
•o l’agenzia delle Entrate, in via interpretativa ci dirà che i registri Iva dovranno essere comunque mantenuti se si vorrà operare la detrazione dell’Iva delle fatture passive cartacee e la deduzione fiscale dei costi non-Iva;
•oppure l’agenzia delle Entrate, in via interpretativa ci dovrà dire che la detrazione dell’Iva delle fatture passive cartacee e la deduzione fiscale dei costi non-Iva, potrà essere operata anche in assenza di registri Iva.

Quest’ultima ipotesi, che sarebbe quella auspicabile per il contribuente, ci sembra piuttosto remota, in quanto è probabile che tale scelta non possa essere presa in via interpretativa, ma debba essere accompagnata da alcune modifiche a livello a livello normativo.

Il punto di arrivo
A oggi possiamo dire con ragionevole certezza che l’esonero c’è, in quanto previsto da norma di legge, ma se si decide di fruire dello stesso si rischia di andare incontro a qualche spiacevole inconveniente. È evidente che, al momento, l’unica strada realisticamente percorribile non può essere che quella di mantenere i registri Iva, con le attuali modalità, tenendo presente che è sempre possibile avvalersi delle disposizioni all’articolo 19-octies, comma 6, del Dl 148/2017, che dallo scorso anno consente la trascrizione dei registri Iva su supporti cartacei anche soltanto a seguito di specifica richiesta in sede di controllo da parte degli organi verificatori, purché in sede di accesso, ispezione o verifica gli stessi risultano aggiornati sui predetti sistemi elettronici.

Va anche detto che l’utilizzo dei software gestionali permette già da molti anni di operare con estrema facilità e rapidità, in quanto le funzioni di predisposizione dei registri Iva finalizzate alla stampa e alla conservazione digitale, di regola risultano di uso semplice e veloce. Allo stato dell’arte della conoscenza, è quindi sicuramente consigliabile continuare a produrre sempre e comunque i registri Iva.

Al più si potrà fruire dei benefici di questa norma per una difesa, in sede di accertamento o di contenzioso tributario, ovvero nel caso in cui vengano comminate sanzioni formali sulle modalità di tenuta dei registri Iva, in quanto si potrà sostenere che i registri Iva sono stati tenuti per facoltà e non più per obbligo. Ad esempio nel caso di una fattura elettronica non annotata, si potrà comunque sostenere la spettanza della detrazione dell’Iva della stessa.
Oltre a ciò è difficile poter dire che l’esonero dalla tenuta dei registri Iva potrà avere effetti reali a breve e medio termine. Chiaramente tutto sarà diverso quando l’interno sistema fiscale sarà adeguato e reso compatibile con un utilizzo informatico dei dati Iva e fiscali e quando tutte le informazioni saranno tutte presenti sui repository dell’agenzia delle Entrate.

 

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance del regime premiale per gli studi di settore
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Le incognite del ricalcolo dopo lo stop (tardivo) alla doppia rata per le partite Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Deduzione dei costi, la Cassazione detta la linea sulle fatture originali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware