L’a chance del regime premiale per gli studi di di settore - Quotidiano del Fisco del 31/07/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

In questo ultimo appuntamento - prima delle vacanze estive - abbiamo deciso di “volar leggeri” e di non parlare dei nuovi software o degli innovativi sistemi tecnologici che le nostre aziende stanno predisponendo per la gestione della fatturazione elettronica obbligatoria in vigore dal prossimo anno. Anche se il tema estremamente attuale e dinamico lo meriterebbe.

 

Come AssoSoftware abbiamo invece voluto dare un tributo agli studi di settore che ci stanno per lasciare definivamente, dopo che per tanti anni ci hanno fatto letteralmente impazzire. Lo abbiamo fatto in due modi. Per prima cosa, ripercorrendo alcuni passaggi della recente circolare 14/E/2018 che ha ricordato che anche negli studi qualcosa di buono c’è ancora. Si tratta della possibilità, qualora si risulti in linea con gli studi di settore, di fruire del regime premiale all’articolo 10 del Dl 201/2011.Poi a seguire, abbiamo provato a ricordare qualche aneddoto tecnico dei primi anni, in cui i calcoli di studi di settore - ancora molto acerbi - si dovevano in qualche modo riuscire replicare all’interno dei software gestionali, senza poter disporre di specifiche tecniche precise, andando per tentativi fino ad ottenere gli stessi risultati di Gerico.

Adeguamento agli studi di settore e regime premiale
Ultima possibilità di applicazione per il regime premiale all’articolo 10, del Dl 201/2011, prima del definitivo pensionamento degli studi di settore che dal prossimo anno saranno sostituiti dagli Isa, gli indici sintetici di affidabilità fiscale (articolo 9-bis del Dl 50/2017), dei quali abbiamo parlato in questa stessa nostra rubrica proprio la scorsa settimana.

La circolare 14/E ci ricorda infatti che l’articolo 10 del Dl 201/2011, dispone importanti limitazioni ai poteri di accertamento nei confronti dei soggetti che dichiarano, anche per effetto dell’adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore, a condizione che gli stessi soggetti:
•abbiano regolarmente assolto gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore all’interno del modello da allegare alla dichiarazione dei redditi, indicando fedelmente tutti i dati previsti;
•sulla base di tali dati, risultino coerenti con gli specifici indicatori previsti dai decreti di approvazione dello studio di settore o degli studi di settore applicabili.

Tale disposizione prevede che nei confronti dei soggetti congrui e coerenti:
•siano preclusi gli accertamenti di tipo «analitico – presuntivo»;
•la determinazione sintetica del reddito complessivo sia ammessa solo a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un terzo quello dichiarato;
•sia ridotto di un anno il termine di decadenza per l’attività di accertamento effettuata ai fini delle imposte dirette e dell’Iva.

A tal proposito, l’articolo 10, comma 12, del Dl 201/2011 stabilisce che, con provvedimento del direttore dell’agenzia delle Entrate, sentite le associazioni di categoria:
•siano dettate le disposizioni di attuazione del regime premiale;
•possano essere differenziati i termini di accesso alla disciplina premiale, tenuto conto del tipo di attività svolta dal contribuente.

La circolare 14/E sul punto precisa che, data l’esigenza di garantire l’applicazione del regime premiale ai contribuenti che dichiarano “fedelmente” i dati degli studi di settore e che risultano congrui alle risultanze degli stessi, vengono confermati per il periodo di imposta 2017 i medesimi criteri di individuazione degli studi di settore che hanno consentito l’accesso al regime premiale per le annualità 2014, 2015 e 2016.

In particolare, tenuto conto che il 2017 è l’ultimo anno di applicazione del regime premiale, con il provvedimento del direttore dell’agenzia delle Entrate del 1° giugno 2018 è stata disciplinato l’accesso al regime premiale per 155 studi di settore per il periodo di imposta 2017.

Dunque, se si dichiarano i dati “fedelmente” e se si è congrui (naturalmente o per effetto dell’adeguamento) e coerenti, si può fruire ancora per quest’anno delle agevolazioni fiscali sopra indicate in termini di tempi e di modalità di accertamento.

Prima furono i parametri
Dal serio al faceto. Prima - nel lontano 1996 - furono i parametri: a “determinarli” il Dpcm 29 gennaio 1996 dal titolo «Elaborazione dei parametri per la determinazione di ricavi, compensi e volume d’affari sulla base delle caratteristiche e delle condizioni di esercizio sull’attività svolta». A solo titolo esemplificativo, uno dei tanti sibillini passaggi in cui ci imbattemmo nel leggere le indicazioni contenute nell’allegato 1: «Per ciascuna attività è stata calcolata la distribuzione ventilica di ciascuno degli indicatori precedentemente definiti e sono state selezionate le dichiarazioni che presentavano valori degli indicatori contemporaneamente all’interno dell’intervallo compreso fra l’estremo superiore del 4 ventile e l’estremo superiore del 18 ventile per le imprese e fra l’estremo superiore del 3 ventile e l’estremo superiore del 18 ventile per le attività professionali. Se dopo tale selezione le attività in esame presentavano un numero di contribuenti inferiore a 100, la metodologia è stata applicata a tutti i contribuenti che avevano superato il filtro basato sui soli criteri economici».

Fu il panico! Come potevamo realizzare i programmi di calcolo dei parametri, a partire da indicazioni di principio così intese, ma nello stesso tempo così poco operative? Dal decreto si poteva al più intuire l’algoritmo di calcolo, visto che era un concentrato di principi ispiratori e di definizioni statistiche, ma non era esposta in chiaro nessuna delle formule adottate.
A precisa domanda, la risposta dell’agenzia delle Entrate fu la seguente: le formule non ve le possiamo dare, ma se volete vi diamo degli “spezzoni” del codice sorgente. Se li studiate bene potete riuscire a replicare i calcoli anche voi.

Peccato che bastavano variabili dimensionate diversamente (più o meno decimali nelle variabili intermedie di calcolo), che non tornava più nulla. Ricordiamo ancora oggi che allora i linguaggi di programmazione, su alcuni sistemi operativi Unix, non gestivano un numero sufficiente di decimali, per cui fu necessario “spacchettare” alcune variabili in più variabili “affiancate”, che poi dovevano essere ri-assemblarle in fase di elaborazione. Per cui i nostri tecnici dovettero faticare non poco per replicare tutti i calcoli. Ma era solo il preludio, perché - bene o male - per i parametri le routine erano composte solo da alcune centinaia di righe di codice sorgente e le variabili erano solo poche decine.

Poi arrivarono gli studi di settore: gli esordi
Poi - nel 1998 - arrivarono gli studi di settore, disciplinati dall’articolo 62-bis del Dl 331/1993. In data 31 marzo 1999 furono pubblicati nella «Gazzetta Ufficiale» i primi 45 studi di settore relativi a 87 attività economiche, che si rendevano applicabili alle dichiarazioni per l’anno di imposta 1998, così come previsto dall’articolo 21, comma 4, della legge 448/1998. Per l’elaborazione degli studi di settore erano state utilizzate tecniche statistico matematiche sui dati contenuti nei questionari inviati nell’estate 1997 ai contribuenti, il software di Sogei si chiamava Gerico.

Le prime versioni del software Gerico si installavano su Windows 95 e 98. Preistoria! La logica era quella di avere a disposizione una quantità molto elevata di tabelle di calcolo pre-elaborate con criteri statistici, da cui attingere le informazioni da elaborare con logiche non troppo dissimili concettualmente da quelle dei parametri, ma con una difficoltà resa enormemente superiore dal fatto stesso di dover elaborare centinaia di studi di settore, ognuno con un numero di campi ben superiore a quello dei parametri.

Le software house presero due strade diverse:
■alcune decisero che era meglio creare una base dati interna alla propria procedura e poi utilizzare Gerico solo come motore di calcolo;
■altre, dovendo operare su più piattaforme, furono costrette non solo creare una base dati interna alla propria procedura, ma anche a sviluppare il motore di calcolo, visto che su alcuni sistemi operativi Gerico non funzionava.

Fu durissimo per tutti, in quanto:
■la prima soluzione evitava sì, agli sviluppatori, di impazzire ad analizzare algoritmi che – come i parametri – dovevano essere anch’essi dedotti da specifiche che altro non erano che “spezzoni” di codice sorgente forniti da Sogei, ma a fronte di ciò impegnava pesantemente i servizi di assistenza tecnica e sistemistica perché obbligava tutti i clienti all’installazione e all’aggiornamento di Gerico;
■la seconda soluzione – viceversa – impegnava allo stremo gli sviluppatori, ma alleviava il lavoro dei servizi di assistenza tecnica e sistemistica, in quanto non era richiesta l’installazione di Gerico.

Andò avanti così per otto anni, poi dal 2008 - con Gerico divenuto funzionante in tutte le piattaforme - tutte le società di software adottarono la prima soluzione, spinte anche da Sogei che con tale modalità operativa poteva evitare di dare supporto agli sviluppatori del motore, sgravandosi di un’attività comunque onerosa.

Dunque - almeno dal punto di vista tecnico - nessuno di noi rimpiangerà Gerico. Augurandoci tutti che il nuovo prodotto che elaborerà gli Isa e che nascerà dalle sue ceneri, potrà portarsi dietro i suoi pregi lasciando ai posteri i difetti.

 

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gruppo Iva alla prova della convenienza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, la via dell’integrazione dei sistemi per aumentare i vantaggi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, da subito l’obbligo di conservazione sostitutiva
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

E-fattura, codice convenzionale se il cliente non comunica l’indirizzo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Termini sovrapposti per i versamenti dell’Iva e delle dichiarazioni dei redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il versamento carente dell’Iri in acconto non è sanzionabile
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bilanci digitali, la road map parte da società quotate e soggetti Ias
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Privacy, software già allineati al Gdpr
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Nuovi Isa con un set di dati già «precompilati»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware