Gruppo Iva alla prova della convenienza - Quotidiano del Fisco del 29/05/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La scorsa settimana abbiamo iniziato a esaminare le principali novità connesse alla nuova normativa fiscale sui gruppi Iva, evidenziandone i principali vantaggi, in particolare in relazione al rilevante risparmio d’imposta connesso, in alcuni casi, all’adozione di questo regime (clicca qui per leggere l’articolo ).

 

In particolare è utile ricordare che sono sicuramente interessate al gruppo Iva quelle tipologie di aziende per le quali il risparmio d’imposta è correlato alla possibilità di qualificare le operazioni poste in essere all’interno del gruppo come «non rilevanti ai fini Iva», potendosi così annullare gli effetti negativi - nel caso in cui intercorrano tra i vari soggetti sia operazioni imponibili che operazioni esenti - del pro-rata di indetraibilità, non essendo più tali operazioni qualificate come operazioni Iva. In questo secondo appuntamento, dopo aver elencato alcuni passaggi operativi connessi all’adozione del gruppo Iva, ne analizziamo in linea generale i benefici e proviamo - aiutandoci con un semplice quanto articolato esempio numerico - a quantificare gli effetti a livello di risparmio di imposta. Una quantificazione essenziale, per gli amministratori delle aziende interessate, per poter decidere se intraprendere o meno la nuova via del gruppo Iva.

Passaggi operativi e benefici del gruppo Iva
Va segnalato che, ai fini Iva, vi sono una serie di obblighi specifici indicati dall’articolo 2, del Dm Economia del 6 aprile 2018, che comportano l’espletamento di alcune attività preliminari (o conclusive in caso di fuoriuscita).
In particolare:
•per effetto della sua costituzione, il gruppo Iva deve applicare le disposizioni relative alla rettifica della detrazione, all’articolo 19-bis2, del decreto Iva, con riferimento alla data in cui i beni e i servizi sono stati acquistati dai partecipanti;
•i singoli partecipanti si impegnano ad assumere gli obblighi e i diritti derivanti dall’applicazione delle disposizioni in materia di Iva con riferimento alle operazioni per le quali l’imposta diventa esigibile o il diritto alla detrazione è esercitabile anteriormente alla data di ingresso nel gruppo Iva ovvero successivamente alla sua cessazione;
•in caso di cessazione, il credito Iva maturato e non utilizzato dal gruppo Iva prima della cessazione deve essere chiesto a rimborso ai sensi dell’articolo 30 del decreto Iva oppure deve essere computato in detrazione dal rappresentante del gruppo nelle proprie liquidazioni o nella propria dichiarazione annuale.

Per quanto riguarda i benefici, quelli derivanti e connessi all’adesione al gruppo Iva riguardano:
■gli efficientamenti amministrativi e organizzativi connessi alla riorganizzazione di tutti gli adempimenti Iva, che vengono concentrati in capo al responsabile del gruppo, con la possibilità di effettuare economie di scala derivanti dall’abbattimento degli oneri amministrativi di fatturazione, approfittando anche del passaggio alla fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019, e di annotazione sui registri Iva e di dichiarazioni periodiche e annuali;
■la possibilità di seguire logiche di mercato nella determinazione del prezzo applicato ai servizi resi all’interno del gruppo;
■la possibilità di qualificare le operazioni all’interno del gruppo come non rilevanti ai fini Iva, limitando gli effetti negativi connessi all’eventuale applicazione del pro-rata di indetraibilità.

Quest’ultimo è certamente il beneficio che risulta di maggiore interesse in quanto - come già anticipato in premessa - per effetto dell’adesione al nuovo regime, tutte le operazioni intercorse tra i soggetti partecipanti al gruppo Iva perdono la loro rilevanza ai fini Iva, diventando di fatto operazioni “fuori campo” Iva e da annotarsi ai soli fini contabili.
I vantaggi in termini di imposta sono tanto più rilevanti quanto tra i soggetti aderenti al gruppo Iva vi siano società con un’alta limitazione al diritto di detrazione.
Nel sistema finora vigente, a ogni soggetto passivo si applica un proprio pro-rata di detraibilità, calcolato con riferimento a tutte le operazioni da questi poste in essere, nessuna esclusa. Mentre nel gruppo Iva il pro-rata viene determinato in funzione delle sole operazioni complessivamente effettuate nei confronti di terzi, da tutti i partecipanti del gruppo Iva. Molto spesso con effetti positivi sul pro-rata di indetraibilità, poiché le operazioni interne tra i partecipanti al gruppo non vengono più qualificate come operazioni Iva.

Un esempio numerico
Ipotizziamo di avere due aziende A e B, l’azienda A pone in essere esclusivamente operazioni imponibili (con aliquota Iva del 10%) mentre l’azienda B pone in essere esclusivamente operazioni esenti. Inoltre l’azienda A pone in essere 1/3 delle sue operazioni nei confronti dell’azienda B e viceversa l’azienda B pone in essere 1/3 delle sue operazioni nei confronti dell’azienda A.

Per semplicità espositiva ipotizziamo che ciascuna di esse (A e B) effettui operazioni degli stessi importi:
•vendite esterne 10mila (Iva mille);
•vendite infra-gruppo 5mila (Iva 500);
•totale vendite 15mila (Iva 1.500);
•acquisti esterni 8mila (Iva 800);
•acquisti infra-gruppo 4mila (Iva 400);
•totale acquisti 12mila (Iva 1.200).
In sintesi una situazione perfettamente speculare, se non per il fatto che A opera in regime di imponibilità e B in regime di esenzione.

Qualora operino autonomamente:
•l’azienda A “incasserà” Iva per 1.500 e detrarrà Iva per 1.200 (costo per Iva indetraibile pari a 0);
•l’azienda B non “incasserà” Iva e non detrarrà Iva (costo per Iva indetraibile 1.200);
•complessivamente le due aziende A e B avranno un “incasso” di Iva per 1.500, un esborso di Iva di 300 (=1.500 – 1.200 detraibile) e un costo per Iva indetraibile 1.200.

Proviamo a vedere che cosa succederebbe qualora l’azienda A e B operassero all’interno di un gruppo Iva, sterilizzando le variabili relative alle vendite infra-gruppo 5mila (Iva 500) e agli acquisti infra-gruppo 4mila (Iva 400):
•vendite esterne 20mila (di cui 10mila imponibili con Iva 1mila e 10mila esenti);
•pro-rata di detraibilità 50% (vendite esterne 10mila imponibili diviso 20mila complessive);
•acquisti esterni 16mila con Iva 1.600 (di cui 800 detraibile e 800 costo);
•complessivamente il gruppo Iva avrà un “incasso” di Iva per 1mila, un esborso di Iva di 200 (=1.000 – 800 detraibile) e un costo per Iva indetraibile 800.

In sintesi in questo esempio il passaggio al gruppo Iva comporterebbe:
■un esborso di Iva di 200 (incasso 1mila e detrazione 800) anziché di 300 (incasso 1.500 e detrazione 1.200);
■un costo di Iva indetraibile di 800 anziché di 1.200.

È chiaro che il vantaggio può essere superiore o inferiore in base al volume delle cessioni e degli acquisti di ciascuna azienda e alla tipologia di operazioni effettuate. Detto questo, fatte le dovute verifiche, il risparmio per alcune tipologie di aziende potrebbe essere davvero rilevante e tale da giustificare le complessità di adeguamento dei sistemi informativi e dei processi amministrativi.

Le software house aderenti ad AssoSoftware che forniscono servizi alle aziende interessate sono già al lavoro per analizzare gli impatti a livello di procedure e per supportare a livello tecnico i propri clienti in questa complessa fase decisionale.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La chance della fatturazione unificata per i gruppi Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware