Controlli preventivi sui rimborsi del 730 con «avviso» al contribuente - Quotidiano del Fisco del 15/05/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Terzo e ultimo appuntamento di approfondimento delle recenti novità relative all’Assistenza fiscale, efficacemente illustrate dall’agenzia delle Entrate con la circolare 4/E/2018.

Nel primo abbiamo illustrato le diverse modalità di comunicazione della «Sede telematica» per la ricezione dei modelli 730-4 che possono essere adottate dai sostituti d’imposta. Nel secondo abbiamo analizzato più in dettaglio alcuni aspetti operativi relativi alle regole di trattamento ed elaborazione dei flussi contenenti i modelli 730-4 di conguaglio da parte dei sostituti d’imposta. In quest’ultimo appuntamento ci occupiamo, invece, dei «Controlli preventivi» e delle modalità per esercitare il «Diniego di effettuazione del conguaglio».

I controlli preventivi
L’articolo 5, comma 3-bis, del Dlgs 175/2014 (introdotto dall’articolo 1, comma 949, della legge 208/2015 di stabilità per il 2016), prevede che «nel caso di presentazione della dichiarazione direttamente ovvero tramite il sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale, con modifiche rispetto alla dichiarazione precompilata che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta e che presentano elementi di incoerenza rispetto ai criteri pubblicati con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate ovvero determinano un rimborso di importo superiore a 4.000 euro, l’Agenzia delle entrate può effettuare controlli preventivi, in via automatizzata o mediante verifica della documentazione giustificativa, entro quattro mesi dal termine previsto per la trasmissione della dichiarazione, ovvero dalla data della trasmissione, se questa è successiva a detto termine. Il rimborso che risulta spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo è erogato dall’Agenzia delle entrate non oltre il sesto mese successivo al termine previsto per la trasmissione della dichiarazione, ovvero dalla data della trasmissione, se questa è successiva a detto termine. Restano fermi i controlli previsti in materia di imposte sui redditi».

Questa norma, che non ha trovato immediata applicazione come si attendevano inizialmente gli addetti ai lavori, è invece del tutto operativa dallo scorso anno, per effetto della pubblicazione del provvedimento delle Entrate del 9 giugno 2017, che ha definito i criteri per l’individuazione degli elementi di incoerenza delle dichiarazioni dei redditi 730/2017 con esito a rimborso.

I controlli possono essere applicati, a discrezione dell’Agenzia, sia alle dichiarazioni presentate direttamente dai contribuenti via web (FiscOnline) o tramite il sostituto d’imposta in regime di assistenza fiscale diretta, sia anche alle dichiarazioni presentate ai Caf o professionisti in regime di assistenza fiscale indiretta.

Ne consegue che tutti i sostituti d’imposta, compreso il sostituto d’imposta che presta assistenza fiscale diretta ai propri dipendenti, devono procedere all’effettuazione dei conguagli sulle retribuzioni solo dopo aver ricevuto il risultato contabile dalle Entrate poiché, per le dichiarazioni sottoposte a controllo preventivo, il 730-4 non è messo a disposizione del sostituto d’imposta.

Con la sola eccezione del caso in cui all’interno della ricevuta di riepilogo, quale esito di consegna, sia indicato il codice «NO», nel qual caso è possibile - per il Caf o professionista - effettuare la comunicazione al sostituto d’imposta utilizzando i canali tradizionali (posta, e-mail, fax, eccetera) e per quest’ultimo effettuare il conguaglio anche in assenza del modello 730-4 recapitato dall’Agenzia.

Qualora all’interno della ricevuta di riepilogo, quale esito di consegna, sia invece indicato il codice «CO» (dichiarazione sottoposta a controllo preventivo), il soggetto che presta assistenza fiscale deve avvisare della circostanza il contribuente, il quale - risultando la dichiarazione comunque validamente presentata - dovrà effettuare gli eventuali versamenti a debito (relativi all’eventuale secondo o unico acconto Irpef o cedolare secca) in autonomia con il modello F24 entro il 30 novembre e attendere che le Entrate dispongano l’erogazione del rimborso spettante, al termine delle operazioni di controllo preventivo, non oltre il sesto mese successivo al termine previsto per la trasmissione della dichiarazione.

Il diniego di effettuazione del conguaglio
Si ricorda che il «Diniego di effettuare il conguaglio» da parte del sostituto è possibile esclusivamente nei casi in cui il rapporto di lavoro con il contribuente:
■non è mai esistito;
■è cessato prima della data stabilita per l’avvio della presentazione del modello 730.
Ciò premesso, per effetto del provvedimento delle Entrate del 14 aprile 2017, il sostituto d’imposta che riceve il risultato contabile di un contribuente per il quale non è tenuto all’effettuazione delle operazioni di conguaglio, ne deve dare comunicazione tramite i servizi telematici dell’Agenzia entro cinque giorni lavorativi da quello di ricezione dei risultati contabili per il successivo inoltro al soggetto che ha prestato l’assistenza fiscale.
Il medesimo provvedimento contiene le specifiche tecniche per l’effettuazione della suddetta comunicazione che consentono l’indicazione delle motivazioni del diniego.
Pertanto, i sostituti d’imposta non devono più restituire direttamente al Caf o al professionista abilitato i risultati contabili relativi a contribuenti per i quali non sono tenuti all’effettuazione dei conguagli, ma devono effettuare detta restituzione mediante i servizi telematici dell’Agenzia.

Le funzionalità che consentono ai sostituti d’imposta l’invio del diniego sono rese disponibili a partire dai primi giorni del mese di luglio fino alla seconda decade di dicembre.
Le Entrate, a loro volta, a partire dalla metà del mese di luglio (e successivamente con cadenza settimanale) trasmettono al soggetto che ha prestato l’assistenza fiscale i dati dei contribuenti per i quali ha ricevuto il diniego del sostituto d’imposta di effettuare il conguaglio.

Il soggetto che ha prestato l’assistenza fiscale è tenuto a comunicare al contribuente il diniego del sostituto d’imposta, al fine di consentirgli la presentazione della dichiarazione integrativa.

Tenuto conto della tempistica ristretta, l’invio di un diniego non può essere annullato né rettificato e pertanto, successivamente all’invio di un diniego, il sostituto d’imposta non deve mai effettuare il conguaglio relativamente al modello 730-4 per cui ha effettuato il diniego. In caso di invio di un diniego effettuato per errore dal sostituto d’imposta, il contribuente deve presentare una dichiarazione integrativa, indicando i dati dello stesso sostituto d’imposta.

Ricordiamo, infine, che la circolare 4/E/2018 fornisce ulteriori precisazioni con riferimento al diniego relativo alle dichiarazioni presentate direttamente dai contribuenti via web (FiscOnline).

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo spesometro «dribbla» i dati mancanti del fornitore estero
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati liquidazioni Iva, il modello si aggiorna a operazioni straordinarie e acconti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Gli studi di settore fanno ancora i conti con le rimanenze finali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, un tool per l’immediata lettura del file in formato Xml
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730, due vie per comunicare alle Entrate la «sede telematica»
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Rimanenze finali rilevanti anche per le società di comodo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

I flussi del modello 730-4 alla prova delle ricevute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware