E-fattura in cerca di certezze sulla «comunicazione» del reverse charge - Quotidiano del Fisco del 20/03/2018

di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

 

La scorsa settimana abbiamo fatto il punto nuovi obblighi che partiranno dal prossimo 1° luglio 2018 riprendendo gli interventi di Mario Carmelo Piancaldini e Gerardo De Caro, dell’agenzia delle Entrate, al convegno AssoSoftware dal titolo «Le novità normative fiscali, lavoro, gestionali 2018 e lo sviluppo software: istruzioni per l’uso» tenutosi a Bologna il 6 e 7 marzo scorso.

Proseguiamo con il nostro resoconto, illustrando alcuni aspetti più operativi legati all’entrata in vigore generalizzata degli obblighi a partire dal 1° gennaio 2019.

Infrastruttura tecnologica e aspetti operativi
La fatturazione elettronica obbligatoria B2B (Business to business, ossia tra aziende “private”) si appoggerà sulla medesima infrastruttura tecnologica che già da qualche anno supporta sia la fatturazione elettronica alle Pubbliche amministrazioni (Sistema di interscambio, lo Sdi), sia anche la fatturazione elettronica facoltativa B2B che – ricordiamo - è già operante dall’inizio dello scorso anno.
Tale infrastruttura sarà opportunamente dimensionata per sopportare il nuovo carico di lavoro derivante dall’introduzione dell’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica a quasi tutti i soggetti passivi Iva (fanno eccezione solo i minimi, i forfetari e pochi altri soggetti).
Non ci saranno, quindi, novità sostanziali a livello di interfacciamento e di funzionalità, e anche il formalismo Xml delle fatture elettroniche rimarrà sostanzialmente lo stesso.
Per quanto riguarda il lato attivo della fatturazione, le aziende e gli operatori del settore che già ora utilizzano software gestionali per trasmettere in modo automatico le fatture elettroniche allo Sdi, ad esempio nei confronti delle Pubbliche amministrazioni, potranno continuare a utilizzare le funzioni integrate di predisposizione, di firma, di invio delle fatture e di recupero delle ricevute.
Lato passivo, invece, sono in fase di completamento gli adeguamenti dei software gestionali per l’interfacciamento con lo Sdi per lo “scarico” delle fatture di acquisto. In questo caso gli operatori dovranno attenersi alle indicazioni della propria software house, in quanto ciascuna di esse potrà implementare tale interfacciamento con lo Sdi utilizzando soluzioni tecniche specifiche, ognuna delle quali comporta operatività differenti a carico degli utilizzatori.

Interfacciamento con lo Sdi e invio e ricezione delle fatture elettroniche
La maggior parte delle informazioni circa le modalità di interfacciamento per l’invio e la ricezione delle fatture elettroniche la si può reperire già da tempo all’interno del sito http://www.fatturapa.gov.it, che pur essendo stato realizzato specificamente per la fatturazione elettronica alle Pubbliche amministrazioni, può essere di fatto utilizzato anche con riferimento alla fatturazione B2B.
Qualora si utilizzi un software gestionale, lo stesso farà uso più frequentemente, in alternativa:
•del canale «Posta elettronica Certificata (Pec)»;
•dei canali accreditati «Servizio Sdicoop o Sdiftp - Trasmissione/Ricezione».

L’utilizzo della casella Pec pur essendo una modalità largamente conosciuta e apparentemente semplice si porta dietro una serie di problematiche, quali:
•un costo annuale di gestione della casella Pec, cui potrebbe aggiungersi un ulteriore costo nel caso di superamento delle dimensioni massime della casella stessa;
•il rischio di blocco del servizio qualora lo spazio a disposizione della casella risulti saturo.
•la necessità di un monitoraggio continuo che per quanto automatizzabile non sempre è del tutto efficiente.

Qualora, invece, il software gestionale implementi l’invio tramite i «Servizi Sdicoop o Sdiftp - Trasmissione» e la ricezione tramite i «Servizi Sdicoop o Sdiftp - Ricezione» (in entrambi i casi si opera con web services integrati), si potranno avere due ulteriori scenari:
•l’accreditamento viene fatto direttamente dalla software house a suo nome, in veste di «Intermediario tecnico», la quale poi - previo accordo contrattuale - può anche fungere da «Soggetto emittente» e apporre la firma elettronica nelle fatture;
•l’accreditamento viene fatto da ciascun cliente della software house, al quale lo Sdi rilascerà un proprio certificato personale da integrare nella procedura e da utilizzare per la trasmissione.

I principali vantaggi dell’utilizzo dei canali «Servizi SdiCoop e Sdiftp -Trasmissione/Ricezione» sono:
•nel caso di accreditamento della sola software house, non vi è nessun adempimento burocratico per attivare il servizio;
•non è necessario disporre di una Pec
•vi è un completo automatismo nella comunicazione da e verso lo Sdi, per cui tutte le attività di monitoraggio e gestione sono in carico al software.

L’indirizzamento delle fatture ai destinatari
Le funzioni del Sdi sono le seguenti:
•ha il ruolo di certificare l’emissione della fattura elettronica. Infatti in caso di mancata trasmissione allo Sdi, la fattura elettronica si considera non emessa;
•ha il compito di recapitare la fattura al cliente. In questo contesto vi saranno alcune eccezioni che riguardano le fatture emesse nei confronti dei privati e le fatture emesse nei confronti di soggetti appartenenti alle “filiere”, in entrambi i casi il recapito non sarà obbligatorio.

Per poter fornire allo Sdi le informazioni di recapito della fattura è necessario, quindi, che il cliente comunichi al suo fornitore in alternativa:
•la casella di Posta elettronica certificata (Pec) che utilizza per ricevere le fatture elettroniche;
•il «Codice destinatario» a 7 caratteri, fornito dalla propria software house nel caso si utilizzi i canali «Servizi Sdicoop o Sdiftp - Ricezione».
Il fornitore, a sua volta, inserirà tale informazione all’interno della fattura elettronica rispettivamente nell’elemento «PecDestinatario» ovvero nell’elemento «CodiceDestinatario».
In alternativa a tale operatività, l’agenzia delle Entrate sta predisponendo - per la scadenza del 1° gennaio 2019 - una modalità alternativa di indirizzamento che prevede che ciascun soggetto passivo Iva (in veste di cliente) possa comunicare allo Sdi la modalità di ricezione prescelta. Tale modalità - qualora diversa da quella indicata dal fornitore all’interno della fattura elettronica - avrà prevalenza e sarà utilizzata dallo Sdi per l’inoltro della fattura.
Al momento tale funzione non è comunque ancora disponibile e quasi sicuramente non lo sarà per il primo termine del 1° luglio 2018.
Per quanto riguarda le ricevute di trasmissione, invece, potrebbero esserci alcune novità importanti rispetto a quanto avviene attualmente in riferimento alla fatturazione alle Pubbliche amministrazioni.
In particolare l’agenzia delle Entrate sembra al momento orientata a semplificare il flusso delle ricevute di trasmissione recapitate al fornitore a seguito dell’invio di una fattura elettronica. Di fatto sembra prospettarsi una soluzione molto leggera, in cui al fornitore viene recapitata obbligatoriamente solo la ricevuta di consegna, che fa fede ai fini dell’emissione della fattura elettronica. Tutte le ulteriori ricevute in uso per la fatturazione alle Pubbliche amministrazioni diventerebbero quindi facoltative senza alcun automatismo («decorrenza termini»).
D’altra parte già oggi la spedizione e consegna della fattura cartacea, così come la trasmissione della fattura in formato Pdf, non sono quasi mai governate da processi di controllo particolarmente rigidi e ogni eventuale contenzioso tra le parti viene risolto applicando le norme del codice civile. Ne consegue che questa probabile semplificazione potrebbe essere auspicabile.
Rimarrebbero, in questo caso, da disciplinare le cosiddette «Regole di rifiuto» in particolar modo per consentire al destinatario di comunicare allo Sdi che una determinata fattura è stata rifiutata. Sul punto si attendono ulteriori indicazioni dall’agenzia delle Entrate.

I punti aperti
Dubbi ce ne sono parecchi. Fra quelli a carattere fiscale, ne segnaliamo uno fra i tanti: come farà l’acquirente a comunicare allo Sdi l’assolvimento dell’Iva con il metodo del reverse charge? Qualora non gli venisse consentito, come potrà essere elaborata correttamente la liquidazione dell’Iva che verrà predisposta dall’agenzia delle Entrate per alcune categorie di soggetti?

Un altro dubbio riguarda l’obbligatorietà della firma elettronica, che secondo le indicazioni che arrivano dall’Unione europea, dovrebbe essere resa facoltativa. Sul punto, pur condividendo il principio che tutto ciò che può semplificare e sburocratizzare gli adempimenti è benvenuto, non possiamo non far notare che la firma elettronica è una tutela per le parti, e quindi è sempre comunque opportuno provvedere all’apposizione.

Per ultimo, si è ancora in attesa di poter disporre di sistemi automatici di interrogazione dell’Anagrafe tributaria (con web services) al fine di poter verificare che le Partite Iva indicate nelle fatture siano reali e attive. Sul punto l’ agenzia delle Entrate sta valutando, insieme al Garante della privacy, quali soluzioni tecniche potranno essere rese disponibili alle software house e ai propri clienti.

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture, così il monitoraggio degli errori dell’invio telematico
di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, le proposte per correggere le disfunzioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Isa, le integrazioni con i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Isa, le risposte ai dubbi principali sull’operatività
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Intrastat 2018, limitati gli aggiornamenti per i software gestionali
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, gli effetti dell’introduzione
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria, un primo quadro di adempimenti e opportunità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Lo split payment complica la gestione dell’acconto Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime per cassa, le insidie nel passaggio dalla competenza
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

La stretta sulla detrazione Iva mette in stand by l’adeguamento informatico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dichiarazione Iva 2018, ecco le novità in arrivo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Costi aggiuntivi con la scomparsa delle monete da 1 e 2 centesimi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 730/2018, ecco cosa cambia nei quadri di immobili e redditi
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 730/2018, slalom tra i codici per i bonus casa
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iper e superammortamento come cambiano le procedure informatiche
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Detrazione Iva, più tempo ma le complicazioni restano
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Conservazione digitale dei documenti con termine unico
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Spesometro, i software si adeguano alle nuove modalità di invio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello 770, sull’invio separato si cambia di nuovo
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura obbligatoria tra «privati» in cerca di incentivi
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Versamenti Redditi 2018 con la doppia rata il 20 agosto
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Per l’e-fattura primo test sui carburanti da luglio
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware