Dichiarazioni, a pieno regime il monitoraggio sull’invio telematico - Quotidiano del Fisco del 19/09/2017


 di Fabio Giordano , comitato tecnico AssoSoftware

 

Ogni pratica amministrativa, assolta in modalità telematica, è in grado di rievocare - in ogni operatore professionale - l’incubo di possibili errori bloccanti che ne possano impedire la conclusione entro il termine di scadenza.

È un problema che i professionisti vivono oramai quotidianamente, quando predispongono una pratica da trasmettere a un ente, quando devono effettuare un invio telematico di una comunicazione o di una dichiarazione fiscale, oppure anche - più semplicemente - quando devono compilare un qualche modello on-line.

L’informatica, negli anni, ha da una parte semplificato - e di molto - le attività che svolgevamo in passato in modalità “analogica”, ma dall’altra ha anche consentito alla burocrazia di fare un salto in avanti, permettendo l’introduzione di ulteriori livelli di complessità che non sarebbero stati neppure immaginabili quando si faceva tutto con carta, penna e carta carbone.

La gestione degli errori è sicuramente uno degli aspetti più complessi da affrontare per i produttori di software che realizzano procedure gestionali. Se infatti è vero che non è sicuramente facile predisporre una procedura per poter gestire in modo automatizzato un adempimento fiscale, ancora più complesso risulta intercettare e segnalare gli errori in modo chiaro e comprensibile agli operatori, e soprattutto farlo in modo preventivo rispetto al momento dell’invio telematico.

A tutto ciò si aggiunge l’ulteriore problematica relativa alle “errate segnalazioni” delle procedure di controllo e di accettazione degli enti destinatari, che sono quelle che impediscono di espletare una pratica o di effettuare un invio telematico; in questi casi l’operatore non è in grado di risolvere autonomamente il problema e - quasi sempre - non può rivolgersi all’ente destinatario.

Circa quest’ultimo punto, desideriamo di seguito fornire alcune indicazioni circa le attività svolte da AssoSoftware in relazione al monitoraggio degli errori relativi alla trasmissione telematica delle dichiarazioni dei redditi mentre la prossima settimana ci dedicheremo anche agli errori relativi all’invio Dati Fatture, il nuovo adempimento che sta riservando un bel po’ di sorprese ai professionisti e che merita alcune ulteriori considerazioni.


I Controlli Sogei per i modelli dichiarativi

È dall’ormai lontano 1999 che le dichiarazioni dei redditi vengono trasmesse telematicamente con Entratel. Allora dicevamo tutti le stesse cose: che si trattava di un inutile aggravio, di costi irrecuperabili per gli studi e altre amenità di questo genere. Oggi pensare di fare la coda alla Posta con i pacchi di raccomandate di dichiarazioni dei redditi fa solo più sorridere, anche se qualche irriducibile ha tenuto duro fino alla fine.
In quella occasione, il tutto fu fatto con una lungimiranza oggi inimmaginabile: l’invio delle dichiarazioni fu accompagnato da subito dal rilascio dei Controlli Sogei, che poi negli anni sono stati inglobati nelle procedure gestionali, grazie anche ad AssoSoftware che ha richiesto e ottenuto dalla Sogei le specifiche di interfacciamento.

Sono passati quasi 20 anni e il meccanismo è rimasto lo stesso. Il controllo preventivo delle dichiarazioni evita, di fatto, lo scarto in fase di accettazione nella quasi totalità dei casi. Chiaramente anche tale meccanismo non è esente da errori, per cui talvolta i controlli non sono corretti, oppure le segnalazioni sono poco comprensibili, e risulta impossibile trasmettere le dichiarazioni.

Ed è proprio per questo che AssoSoftware, oramai da molti anni, ha attivato sul proprio sito istituzionale un servizio di monitoraggio e consultazione delle “errate anomalie” segnalate dai software di controllo dei modelli di dichiarazione dei redditi, un servizio che rimane attivo fino al termine di scadenza della presentazione dei modelli.
Tale servizio è finalizzato ad informare e rassicurare gli Intermediari circa il fatto che alcune segnalazioni di anomalia rilevate dai Controlli Sogei sono inesatte (e che per questo non sono comprensibili per gli operatori).

Dal sito www.assosoftware.it è possibile scaricare liberamente il file Diagnostici_2017.zip, che contiene al suo interno il file Excel «Documento segnalazioni diagnostici 2017_agg_gg-mm-2017.xlsx» con tutte le indicazioni necessarie agli intermediari per verificare se le segnalazioni “dubbie” eventualmente rilevate rientrano fra quelle catalogate da Assosoftware quali anomalie dei software di controllo.
Tale elenco raccoglie esclusivamente le anomalie “certe”, cioè verificate dalle software house e confermate dalla Sogei; le segnalazioni sono inoltre ordinate in modo cronologico e differenziate per versione del software di controllo, con specifica evidenza se l’anomalia è ancora presente o se è già stata oggetto di opportuna correzione con una release successiva.


Le informazioni fornite

Se prendiamo come riferimento - ad esempio - il file «Documento segnalazioni diagnostici 2017_agg_08-09-2017.xlsx», vediamo che al suo interno vi sono 155 segnalazioni suddivise in:
• 66 a sfondo rosso
• 48 a sfondo giallo
• 41 a sfondo verde.

Innanzitutto vanno chiarite le condizioni che determinano l’inserimento della segnalazione, da parte di AssoSoftware, all’interno del documento.

Ciò può verificarsi in due casi: quando la software house abbia autonomamente rilevato il problema in fase di collaudo delle procedure, oppure quando il problema sia stato segnalato da un cliente della software house alla software house stessa, da questa verificato e inoltrato a Sogei tramite il Forum AssoSoftware per un’ulteriore verifica, qualora abbia ritenuto il problema imputabile ai Controlli Sogei e non alla procedura gestionale.

Più in dettaglio, le segnalazioni a sfondo rosso sono quelle per le quali è stata segnalata un’anomalia dalle software house e questa è in attesa di riscontro da parte di Sogei.

Quelle a sfondo giallo sono quelle che, a parere di Assosoftware, verranno rimosse con la pubblicazione della prossima versione della procedura di controllo.

Quelle a sfondo verde sono quelle che sono state già risolte in una precedente versione dei Controlli Sogei oppure che, in attesa della correzione, sono in qualche modo bypassabili - seppure con qualche virtuosismo - dalla software house.

Le informazioni fornite sono organizzate per colonne:
• data e ora pubblicazione interventi sul Forum Assosoftware
• modello di dichiarazione
• quadro della dichiarazione
• gravità dell’anomalia (***)
• versione della procedura di controllo
• note e suggerimenti operativi.
L’intermediario dovrà contattare la propria software house o il call center dell’amministrazione finanziaria solo qualora la segnalazione del diagnostico non sia stata documentata da AssoSoftware. Se l’anomalia è invece fra quelle censite, questi dovrà semplicemente attendere il rilascio da parte della Sogei della nuova versione del software di controllo (in tale occasione l’anomalia verrà indicata nell’elenco come verde).

Le precedenti uscite di «Fisco e software»

Fattura elettronica B2B, uno standard per ridurre i margini di errore
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Comunicazioni Iva, la gestione dei dati di fatture e liquidazioni
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Certificazioni uniche, conguaglio a ostacoli per la detassazione dei premi di produzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Regime di cassa: la road map dell’adeguamento dei software
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Regime di cassa: l’aggiornamento software prosegue senza soluzione di continuità
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatturazione elettronica B2B, tutti i vantaggi dell’opzione
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Fattura elettronica, una chance per semplificare
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fattura elettronica, le proposte per il definitivo decollo
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Modello 770 unificato ma con la chance di invii separati per ritenute
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Uno standard unico da AssoSoftware per la fattura elettronica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Liquidazioni Iva, così la preparazione e l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Conguaglio da assistenza fiscale diretta, ecco cosa cambia per i sostituti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Studi di settore, tutte le variabili per la compilazione dei modelli 2017
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Il modello Redditi SC alla prova dei nuovi bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Redditi SC, slalom tra le novità dei quadri
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Modello Irap 2017 al test delle modifiche sui bilanci
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni, il nuovo obbligo di passare da Entratel per i titolari di partita Iva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni Iva, cambio di rotta sul filo di lana
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture, invio dei dati in cerca di riduzioni
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Comunicazioni dati Iva al test della conservazione copia intermediario
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Certificazione unica 2017, tutte le regole (e le date) per la conservazione sostitutiva
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Iva, il vademecum per i versamenti entro il 30 giugno
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Compensazioni e scomputi, slalom tra le regole
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Bonus Irpef, obbligatoria l’esposizione delle compensazioni in F24
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Split payment, due vie per la registrazione degli acquisti
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Dati fatture emesse e ricevute, il vademecum antierrori
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Fatture emesse e ricevute, slalom per l’invio dei dati
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

Proroga dei versamenti, verifica sugli effetti
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware

Spesometro al test dei dati da trasmettere
di Fabio Giordano, comitato tecnico AssoSoftware

E-fattura, uno standard unico di codifica
di Roberto Bellini, direttore generale AssoSoftware