Luci e ombre del Piano triennale per l'Ict nella pubblica amministrazione - Quotidiano Enti Locali & PA del 13/06/2017

di Roberto Bellini (*) - Rubrica a cura di AssoSoftware

 

Da pochi giorni è disponibile il testo ufficiale del nuovo Piano triennale per l'informatica nella pubblica amministrazione, un documento articolato e corposo che contiene l'indirizzo strategico ed economico per tutta la Pa e che accompagna la trasformazione digitale del Paese.

Diciamo innanzitutto che è ancora presto per dare un giudizio compiuto e organico su tutte le azioni e le misure previste nel Piano, tuttavia si possono già cogliere alcuni aspetti di carattere generale e per certi versi innovativi.
Premesso che l'obiettivo di fondo del Piano è quello di razionalizzare la spesa della PA in tema di Ict, a cui si collega il taglio lineare del 50% dei costi d'informatica nel triennio 2016-2018 introdotto dalle ultime leggi di bilancio, ci sono molti spunti innovativi rispetto alle linee guida già emesse da Agid con la circolare 2 del 26 giugno 2016. Vediamo innanzitutto quelli positivi.

Gli spunti positivi
Un primo elemento che traspare in modo evidente dal documento è la volontà di coinvolgere gli stakeholder interessati; in questo senso va rilevato l'approccio nuovo con cui il piano viene presentato al pubblico e la possibilità di partecipare alla discussione del contenuto anche tramite l'apposito forum online.
Un secondo fattore di novità è l'apertura delle piattaforme nazionali e di tutti gli strumenti pubblici verso l'interoperabilità con il mondo privato; un sistema di Api che accompagna ogni azione pubblica e deve essere la porta d'ingresso per la cooperazione applicativa da parte delle soluzioni gestionali.

Gli aspetti critici
Di contro segnaliamo come aspetto critico l'introduzione di un criterio definito di sussidiarietà secondo il quale qualora un Ente sia in ritardo rispetto all'implementazione e all'integrazione di qualche specifica piattaforma deve adottare obbligatoriamente una tra le soluzioni già in essere presso altre pubbliche amministrazioni. Si tratta di un criterio condivisibile in linea generale se non fosse che cozza con i tempi e le scadenze fissate nel Piano che non tengono in alcun conto le caratteristiche dell'Ente e il percorso che lo stesso sta facendo con il proprio Partner informatico per l'implementazione della specifica piattaforma.
Se prendiamo per esempio «PagoPA» il termine di «giugno 2017», oramai quasi scaduto, sembra del tutto velleitario rispetto agli adempimenti richiesti. D'altra parte la logica delle scadenze obbligatorie e delle eventuali sanzioni è del tutto inadatta agli Enti locali, considerata anche la loro autonomia operativa, e rischia quindi di essere disattesa, creando nel frattempo frizioni e inutili contenziosi.
Per indurre le Pa all'adozione delle Piattaforme in tempi brevi meglio sarebbe usare la logica degli incentivi premiali, sia economici che amministrativi, che senza dubbio potrebbero essere un acceleratore soprattutto per gli Enti medio piccoli dove le risorse scarseggiano.

(*) Direttore generale AssoSoftware

Le precedenti uscite di Enti locali Software

Anagrafe nazionale: è ora di fare squadra di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Arconet, una sinergia tra pubblico e privato che funziona di Laura Petroccia, Consigliere di Assosoftware con delega per il settore Pubblica Amministrazione e Enti Locali

Rottamazione cartelle Equitalia: anche il software dà una mano di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

PagoPa: attenzione ai progetti a metà che limitano il dialogo tra tutti i sistemi di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Anagrafe nazionale della popolazione residente: Sogei e Assosoftware ripartono insieme di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

PagoPa un tassello fondamentale dell'ecosistema digitale di Monica Rollandi, Comitato tecnico AssoSoftware area enti locali

Trasmissione dei bilanci armonizzati alla Bdap: imboccata la strada giusta ma si può migliorare di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Le Province della Sardegna spariscono, anzi si trasformano di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Anpr e grandi progetti strategici dell'agenda digitale: un'occasione di collaborazione tra pubblico e privato di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Contabilità armonizzata: una corsa contro il tempo per Comuni e aziende di Laura Petroccia, Consigliere di Assosoftware con delega per il settore Pubblica amministrazione e Enti locali

Gli enti alle prese con gli acquisti Ict in attesa del piano triennale di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Pubblico impiego, flussi previdenziali e contributivi alla ricerca di una stabilità di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Anusca e Assosoftware insieme per l'avviamento di Anprdi Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Siope+ e i pagamenti elettronici: un altro passo verso la digitalizzazione della Pa di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Il principio «once only» filosofia o realtà? di Monica Rollandi Pa Digitale Spa, Comitato tecnico AssoSoftware

Collaborazione applicativa: così il driver per semplificare l'attività degli operatori del Fisco di Roberto Bellini, Direttore generale Assosoftware

Il cittadino al centro del rapporto con la pubblica amministrazione: il contributo della digitalizzazione di Monica Rollandi Pa Digitale Spa, Comitato tecnico AssoSoftware

Misure minime di sicurezza Agid per la Pa: prossime scadenze e adempimenti di Roberto Obialero, Ads Automated Data Systems, Comitato tecnico AssoSoftware