Fatturazione elettronica in linea - Italia Oggi 19/06/2014


 

Il 23 giugno l'assemblea generale di Assosoftware che nel 2014 compie 20 anni

 

Fatturazione elettronica in linea

Una piattaforma nazionale a disposizione del paese

Vent'anni all'insegna della lungimiranza tecnologica. Il 2014 è infatti l'anno in cui Assosoftware compie 20 anni di attività. Un ventennio che ha portato l'associazione aderente a Confindustria a crescere sia per numero di associati, sia per fatturato del settore. Un ventennio caratterizzato dalla capacità di guardare avanti in modo innovativo, e dalla costante ricerca di soluzioni e prodotti all'avanguardia da offrire al mercato. Un settore, infine, che riesce ad affrontare la crisi economica del paese con concreti risultati di crescita. Questi primi 20 anni di successi saranno celebrati anche durante l'Assemblea generale, che per la prima volta si svolgerà presso la Comunità di San Patrignano, il 23 giugno dalle ore 15. L'assemblea sarà, oltre al consueto momento di incontro dei soci che oggi superano quota 100 aziende, un'occasione per la presentazione pubblica del nuovo «Software Hub» della associazione, una piattaforma nazionale per la fatturazione elettronica a cui aderiscono le più grandi aziende italiane di sistemi gestionali. La recente attuazione della normativa che prevede l'obbligo per la p.a. dell'utilizzo della fatturazione elettronica apre un fronte di risparmio, crescita e ottimizzazione per migliaia di aziende italiane. La piattaforma, così come verrà presentata, offre un unico sistema di transito per le fatture di clienti e fornitori, pubblici e privati e consente ai singoli utilizzatori che aderiranno all'Hub di risparmiare tempo e risorse e di portare a un livello prossimo allo zero il margine di errore nella registrazione delle fatture. In un particolare momento politico, economico e sociale come quello che stiamo attraversando, un sistema di fatturazione elettronica, in grado di registrare e controllare flussi economici, favorisce anche la trasparenza tributaria ed è un importantissimo alleato nella lotta all'evasione fiscale. L'Hub sarà uno strumento prezioso per le aziende, che proprio grazie all'automatismo della fatturazione e registrazione, potranno godere di innumerevoli vantaggi e semplificazioni.

Un cambiamento che ci chiede anche l'Europa. Oggi in Europa circolano circa 32 miliardi di fatture e di queste solo il 5% sono elettroniche ed elaborabili, con punte di eccellenza fino al 20% nei paesi scandinavi e minimi sotto il 5% nei paesi del Mediterraneo, a partire dall'Italia. Un sistema come Software Hub, che possiamo definire comunità virtuale di incontro tra tutte le realtà che utilizzano e producono sistemi di software di gestionali, permetterà di agevolare e facilitare tutti quegli step che siamo chiamati a compiere considerando che la fatturazione elettronica è uno dei pilastri dell'Agenda digitale europea e che, dalla sua attuazione a livello comunitario, si attendono significative ricadute a livello di pil. La Commissione europea ha presentato una proposta di direttiva sulla fatturazione elettronica negli appalti pubblici, accompagnata da una comunicazione in cui definisce la sua idea di piena digitalizzazione nelle procedure collegate alle gare pubbliche. Tali direttive diverranno presto un obbligo europeo che saremo chiamati a rispettare e tra le conclusioni qualitative che Assosoftware suggerisce vi è proprio quella di cominciare sin da ora il processo di adeguamento con accorgimenti utili a evitare che l'Italia si trovi tra qualche anno in uno «stallo» tecnologico che potrebbe causare pesanti sanzioni e ritardi rispetto agli altri stati membri: si tratta di un dovere che riguarda anche le imprese, e non solo lo stato. La scelta del governo di far entrare in vigore dal 6 giugno 2014 l'obbligatorietà della fatturazione elettronica per la pubblica amministrazione è stata un passo importante, che potrebbe porre l'Italia ai primi posti in Europa, divenendo modello di best practice, nell'utilizzo di questa nuova tecnologia, ma è vero che il numero di fatture annualmente scambiate tra aziende e p.a. è pari a solo il 5% degli scambi totali di fatture tra aziende. La piattaforma nazionale per la fatturazione elettronica, a differenza di qualsiasi altra iniziativa presente sul mercato, intende integrare B2G e B2B rendendo vantaggioso e conveniente lo scambio di documenti elettronici fra le imprese, e permettendo una perfetta automazione proprio perché i promotori dell'Hub sono le software house che gestiscono gli applicativi gestionali delle singole imprese. La perfetta automazione delle informazioni da e verso i sistemi gestionali e l'integrazione dei sistemi di incasso, pagamento e di conservazione dei documenti renderà più efficiente l'attività delle aziende con enormi benefici per tutto il sistema paese. Secondo Assosoftware è quindi fondamentale che siano anche i privati a fare questo passo rivoluzionario. Un passo che potrebbe inizialmente essere percepito come «difficile» ma che in realtà rivoluzionerà in meglio l'intero sistema fiscale italiano.

Un centesimo per ogni fattura: un aiuto concreto al Terzo Settore. Assosoftware, nel lanciare Software Hub il 23 giugno San Patrignano, vuole affermare un ulteriore messaggio per sottolineare non solo le ragioni tecniche ed economiche, ma anche la responsabilità sociale dell'associazione e delle aziende aderenti, in un momento di grave crisi del paese. Per ogni fattura che transiterà sulla piattaforma un centesimo di euro verrà donato a un'associazione del non profit italiana, con particolare attenzione alle imprese sociali. Non si tratta di mera filantropia e di donazioni fini a se stesse, ma della precisa volontà di dichiarare, anche in modo concreto e fattivo, quanto l'utilizzo di sistemi altamente avanzati dal punto di vista tecnologico permetta un risparmio che consente anche di aiutare concretamente chi in Italia è alla ricerca di investimenti per le proprie attività sociali, spesso fondamentali per la ripresa e per il futuro del nostro paese. Il Terzo Settore, come spesso ricordato dal governo, è una parte irrinunciabile per l'economia italiana: un settore che offre milioni di posti di lavoro, un ambito economico che corrisponde al 4,5% del pil, non può essere dimenticato né dallo stato né dai privati. Anche Assosoftware darà il proprio contributo. Queste dunque le principali tematiche che verranno trattate alla Assemblea annuale di Assosoftware.

«L'obbligatorietà della fatturazione elettronica per la p.a. ha dimostrato una reale volontà di cambiamento del governo, in linea con i 'tempi europei' e più vicina alle aziende e con la scelta di celebrare presso la Comunità di San Patrignano la nostra Assemblea, con le aziende che rappresento, dimostriamo una responsabilità sociale concreta e non di maniera, e vicinanza e attenzione ad alcuni bisogni reali di cui oggi più che mai se ne avverte l'esigenza». Con queste parole il riminese Bonfiglio Mariotti, presidente di Assosoftware, invita all'Assemblea del 23 giugno.